Aumentano i consumatori interessati alla sostenibilità. E le PMI italiane si adeguano

di Giovanni Franchini

10/12/2021

Il 39% dei clienti delle PMI italiane è disposto a spendere di più per prodotti sostenibili. Lo rivela, insieme ad altri dati interessanti, un'indagine di Capterra, comparatore di software che aiuta le piccole e medie imprese a trovare le soluzioni più adatte al raggiungimento degli obiettivi. 

L'indagine ha riguardato i due versanti del mercato. Le PMI e i loro clienti. Per quanto riguarda le imprese, 461 manager hanno risposto sui temi della sostenibilità comunicando le misure nel segno della sostenibilità aziendale. 

Dal punto di vista delle imprese è emerso che la grande maggioranza dichiara di destinare tra il 2 e il 10% del proprio investimento in incentivi alla sostenibilità. Tra questi il 77% degli investimenti riguardano "misure ambientali", seguite da "misure sociali" (64%) e, per ultime, "misure economiche" (39%).
 

Il 38% afferma di aver ricevuto finanziamenti governativi per introdurre misure sostenibili, mentre il 49% indica di non aver ricevuto aiuti ma di aver comunque deciso di implementare questi cambiamenti con i propri mezzi. Anche i dipendenti svolgono una parte importante nella scelta di sostenibilità delle propria azienda. I manager e i dirigenti intervistati hanno infatti dichiarato che il 77% dei loro dipendenti è stata promotrice di misure sostenibili da adottare in azienda e che, nel 51% dei casi, tali proposte sono poi state implementate.

Ma quali sono le motivazioni che spingono le PMI a investire in sostenibilità? Il risparmio energetico (53%) e quello economico (39%) sono ai primi posti tra le ragioni che spingono le aziende a diventare più sostenibili.La terza motivazione più citata (26%) riguarda lo sviluppo di prodotti “green”. 

Infine i vantaggi: le PMI italiane dichiarano di aver ricevuto vantaggi per la scelta sostenibile in termini di "riduzione dei costi" (49%), "maggior senso di fiducia tra i dipendenti" (36%), "maggiore fidelizzazione dei clienti", "ingresso in nuovi mercati" (25%), "acquisizioni di nuovi clienti" (25%). 

Ecco, i clienti. L'indagine di Capterra riguarda anche i clienti delle PMI italiane interpellati attraverso un sondaggio online su un campione rappresentativo della popolazione.

Dai risultati è emerso il 90% degli intervistati dichiara di verificare se un prodotto è sostenibile o meno prima di prendere la decisione di acquistarlo. In particolare, i consumatori verificano l’origine (57%), gli ingredienti (52%), il materiale (48%) e il packaging (46%) del prodotto prima di procedere a comprarlo.

La pandemia sembra aver avuto un effetto considerevole sulle abitudini della maggior parte dei consumatori; il 71% degli intervistati, infatti, ha riconsiderato il modo di fare acquisti dall’inizio della crisi sanitaria, cercando di essere più consapevole e aumentare la quantità di prodotti sostenibili che intende acquistare.

I prodotti sostenibili più cercati dai consumatori riguardano i settori di "cibo e bevande" (77%), "automobili" (57%), "abbigliamento e moda" (53%), "elettronica" (41%), "bellezza e benessere" (39%), mentre sulle "azioni sostenibili più importanti" per i consumatori sono "ridurre il consumo di plastica" (67%), "ridurre le emissioni" (63%), "acquistare prodotti a km zero" (57%). 

E per quanto riguarda i prezzi? Nonostante il tema sia molto dibattuto, il 39% degli intervistati è disposto a pagare fino al 10% in più rispetto al prezzo originale per prodotti sostenibili, soprattutto nei seguenti settori: "trasporto e consegna" (45%), "cibo e bevande" (43%), "prodotti per la casa" (42%), "abbigliamento" (44%), cosmesi e benessere (42%).
Infine i consumatori si dichiarano molto sensibili alla trasparenza: un prezzo maggiorato dovrebbe corrispondere in maniera chiara e diretta ad un beneficio per l’ambiente e la collettività.

Il corollario naturale è presto fatto: i consumatori sono disposti anche a spendere di più, ma vogliono sapere in quale azione sostenibile vanno le maggiorazioni di prezzo. Conoscere per comprare.  
 
Sigla.com - Internet Partner
Condividi linkedin share facebook share twitter share