Italia, 400 milioni di chili di prodotti agricoli in meno in un decennio

di Andrea Begnini

06/12/2021

Nello spazio di una sola generazione l'Italia ha perso più di un terreno agricolo su quattro seguendo un modello di sviluppo sbagliato che ha causato la scomparsa del 28% delle campagne che storicamente rappresentano l'immagine del Belpaese nel mondo insieme alle città d'arte e garantiscono la sovranità alimentare del Paese in un momento difficile per l'emergenza Covid. È quanto emerge da una analisi della Coldiretti diffusa in occasione della Giornata mondiale del suolo che si celebra il 5 dicembre. In Italia. Evidenzia Coldiretti: la superficie agricola utilizzabile si è ridotta ad appena 12,8 milioni di ettari e a causa della cementificazione e della scomparsa dei terreni fertili. 

Sono andati persi in un decennio oltre 400 milioni di chili di prodotti agricoli, con la copertura artificiale di suolo coltivato che ha toccato la velocità di 2 metri quadri al secondo, nonostante il lockdown e la crisi dell'edilizia, secondo i dati Ispra. La perdita maggiore si è registrata sul fronte dei cereali e degli ortaggi con la scomparsa di 2 milioni e 534mila quintali di prodotto, seguita dai foraggi per l'alimentazione degli animali, dai frutteti, dai vigneti e dagli oliveti. Un problema grave per un Paese come l'Italia che deve ancora colmare il pesante deficit produttivo in molti settori importanti dalla carne al latte, dai cereali fino alle colture proteiche necessarie per l'alimentazione degli animali negli allevamenti. 

“Per proteggere la terra e i cittadini che vi vivono, l'Italia deve difendere il patrimonio agricolo e la disponibilità di terra fertile puntando a una forma di sovranità alimentare con i progetti del Pnrr” ha commentato il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare che «occorre anche accelerare sull'approvazione della legge sul consumo di suolo, ancora ferma in Senato, che potrebbe dotare l'Italia di uno strumento all'avanguardia per la protezione del suo territorio».

Tag:  agricoltura sostenibileColdirettiPNRR

Sigla.com - Internet Partner
Condividi linkedin share facebook share twitter share