Un Master in economia circolare per la gestione sostenibile del capitale naturale

di Andrea Begnini

14/10/2021

Diventare manager dell'economia circolare, contribuendo alla definizione di strategie e di strumenti a supporto di una gestione sostenibile ed efficiente di risorse, come acqua, energia e, più in generale, del capitale naturale, con una particolare attenzione al tema dei rifiuti che, in questa ottica, diventano strumenti per produrre nuovo valore. Sono le opportunità di sbocco professionale che offre il Master universitario di secondo livello in Gestione e Controllo dell'Ambiente (Geca), il corso di alta formazione promosso dall'Istituto di Management della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa. 

Oltre ad una preparazione completa e integrata in campo ambientale, il corso offre anche iniziative di formazione sulle modalità di accesso al mondo del lavoro e sulle tecniche di autopromozione, ad esempio sulla gestione di un colloquio di selezione e su come affinare le doti personali di comunicazione e di autopresentazione. Il Master universitario in Gestione e Controllo dell'Ambiente prevede un impegno a tempo pieno, di durata annuale, per un totale di 710 ore di formazione in aula, con lezioni sulle seguenti macro aree: fondamenti e gestione efficiente delle risorse, green management & circular economy a cui si aggiungono laboratori, seminari, visite presso aziende. 480 ore di stage, tra settembre e dicembre 2022, integrano il percorso formativo. I docenti sono di alto profilo e di diverse competenze disciplinari, come docenti universitari, tecnici, funzionari pubblici, imprenditori, manager, liberi professionisti che operano in campo ambientale. È coinvolto anche un numero rilevante di enti e aziende che contribuiscono al successo del corso attraverso la partecipazione alla didattica e ai laboratori e accogliendo presso le proprie strutture le allieve e gli allievi per il periodo di stage.

Il Master universitario di secondo livello in Gestione e Controllo dell'Ambiente è nato nel 2007 come primo e unico in Italia che affrontava il problema del ciclo integrato di gestione dei rifiuti nel loro complesso e costituiva un'evoluzione del Master in Gestione e Controllo dell'Ambiente, tenutosi alla Scuola Superiore Sant'Anna dal 1996. Dal 2017 il corso si è orientato al tema dell'economia circolare, nella prospettiva dell'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite e dell'Unione Europea.

Tag:  economia circolareScuola Superiore Sant'AnnasostenibilitàSostenibilità 2030

Sigla.com - Internet Partner
Condividi linkedin share facebook share twitter share